Nabil

Liceo Percoto, Udine

MOTIVAZIONE

Grazie a una fortunata coincidenza, il bando del concorso “l’Europa inizia a Lampedusa” è stato pubblicato mentre  trattavamo, nelle lezioni di scienze umane, la tematica dell’immigrazione. Oltre alla panoramica sulla legislazione in materia, avevamo letto in classe dei brani del testo “Bilal” di Fabrizio Gatti e avevamo visto alcuni video sulla tratta dei migranti gestita dai trafficanti.

Dopo aver aderito con entusiasmo alla proposta della nostra docente di partecipare al concorso, abbiamo scelto di utilizzare la forma della narrazione scritta per il nostro lavoro, perchè attraverso le parole potevamo rendere con maggiore efficacia  i pensieri, le emozioni e i sentimenti sperimentati dalle persone che vivono una situazione di incertezza esistenziale e di sfruttamento. Ci siamo sforzate di immedesimarci nella figura di un migrante, ripercorrendo con la mente il suo viaggio verso l’ignoto, verso una terra sconosciuta su cui si riversano tutte le speranze per il futuro. Speranze che non sempre vengono confermate dalla realtà. La storia di Nabil rappresenta le vicissitudini di molte persone, profughi o migranti economici, che desiderano riscattarsi da una vita di ingiustizie e soprusi.

Abbiamo deciso di dargli voce, in attesa che altri uomini trovino il coraggio di denunciare il sistema del caporalato e possano contare su un supporto nelle loro rivendicazioni in coloro che, come noi, credono che un modo migliore sia possibile.

ABSTRACT

Il racconto intende esplorare un percorso di riscatto di un giovane che, dopo aver attraversato il deserto del Tenerè e del Sahara e aver rischiato la vita nel mar Mediterraneo, conosce lo sfruttamento del caporalato, ma si ribella alla condizione di schiavitù appellandosi alla legge e alla giustizia

english

The story intends to explore the life path and the redemption of a young man who, after crossing Tenerè and Sahara deserts and risking his life in the Mediterranean Sea, experiences the exploitation of gangmastering, but he rebels against the state of slavery appealing to the law and to the justice.

LEGGI IL RACCONTO >>