IIS di Terni

Sfida alla globallizzazione dell’indifferenza – Terni

L’Istituto  d’Istruzione  Superiore  Professionale e Tecnico Commerciale  “CASAGRANDE-CESI “ di Terni  è il 2° Istituto Scolastico  d’istruzione  Superiore dell’Umbria per numero di  iscritti, ma è il 1° per percentuale di studenti provenienti da diverse  nazionalita’. Nella scuola sono  presenti ben 24 etnie  diverse.

Attualmente  l’Istituto  conta  1256 studenti, di cui 814 dell’indirizzo Professionale e 442 del Tecnico Commerciale.
La percentuale di presenza degli alunni stranieri  è molto alta rispetto al numero complessivo degli iscritti e rappresenta, infatti, circa il 20% del totale degli alunni.

La vocazione all’accoglienza dell’Altro, l’attenzione all’inclusione e alle dinamiche d’integrazione animano da sempre l’operato del personale dell’I.I.S.P.T.C. “Casagrande-Cesi” di Terni, la cui Dirigenza e i cui Docenti affrontano quotidianamente la sfida della creazione di ambienti di apprendimento efficaci, ma soprattutto sereni e funzionali all’espressione delle potenzialità di ciascun allievo.

Così, ogni giorno, ci si interfaccia con studenti provenienti da realtà diverse dalla nostra, gravate da situazioni socio-economiche ed esistenziali estremamente difficili, ma anche così ricche di personalità e valori  che costituiscono  un insostituibile arricchimento per il nostro panorama culturale.

Ecco il video per il progetto “L’Europa inizia a Lampedusa”

Comprendere e agire diventano, allora, due azioni necessarie e performative, che azionano meccanismi di reciproca condivisione e di mutuo sostegno.

La comunità scolastica ha lavorato sull’incontro con l’altro, nella sua dimensione complessa e spesso contraddittoria. Gli studenti hanno svolto un ruolo di protagonisti nello sviluppo di questo processo che prevede l’accoglienza, la conoscenza reciproca, la narrazione, il rispetto della differenza, la comparazione culturale e l’immedesimazione come frontiera ultima per una convivenza civile. In questo contesto, l’identità  occidentale  europea e i suoi valori possono e devono dare una direzione univoca in un processo storico complesso e non facilmente risolvibile. La metodologia seguita dai docenti, in modo sinergico, è stata ed è quella dei lavori interdisciplinari di gruppo e di ricerca, con l’utilizzo  delle nuove tecnologie. Ma ogni occasione d’incontro è stata anche momento di condivisione ludica, con la conoscenza delle tradizioni, anche culinarie,  degli usi e costumi dei vari paesi (Feste interculturali).

Sulla scia delle parole pronunciate da Papa Francesco durante l’ultima Giornata Mondiale della Pace , l’ I.I.S.P.T.C. “Casagrande-Cesi” propone un percorso di riflessione che, partendo dall’esperienza diretta di ciò che significa ‘immigrazione’, si ponga contro quell’insidiosa ‘globalizzazione dell’indifferenza’ che oggi permea la nostra ‘società liquida’, così attenta alle forme di costante connessione interpersonale, ma anche, spesso, priva della facoltà di ‘vedere’ con occhio critico la realtà esterna che le conferisce forma e contenuto.

 

Un pensiero su “Sfida alla globallizzazione dell’indifferenza – Terni

I commenti sono chiusi.