I ragazzi lampedusani impegnati in prima linea

studenti di lampedusa

Il progetto educativo “IL VIAGGIO DELLA VITA” è un laboratorio esperienziale, proposto dalle scuole lampedusane già a partire dal 2012.  Il progetto,  inserito nel POF e attuato nella Scuola Primaria (classi IV e V), nella Secondaria inferiore (tutte le classi) e superiore (Liceo Scientifico, solo per alunni volontari delle classi del triennio) è organizzato e gestito dalla Fondazione Migrantes.

migrantesQuesta esperienza ha avuto un impatto positivo sugli alunni, in termini di acquisizione di conoscenze e competenze, ma che di valori e comportamenti nei confronti delle diverse identità culturali portate dalle persone straniere che transitano sull’isola.

Attività per la Secondaria di Primo Grado – Tutte le classi

Esplorazione di un paese africano da cui provengono le persone che passano a Lampedusa per chiedere asilo in Europa, con particolare riferimento ad alcune caratteristiche della società dove le persone sono nate e cresciute fra tradizione modernità (stili di vita, regole sociali, cultura, credenze) e alle dinamiche economiche e politiche che stanno all’origine della decisone di migrare.

L’obiettivo educativo di questo approccio è che le persone che ai nostri occhi appaiono senza niente e del tutto sprovvedute, possano rivestire gli abiti della dignità: una scoperta dell’arte di vivere delle popolazioni a cui appartengono i migranti che transitano sull’isola. Ma al tempo stesso promuoviamo una presa di coscienza delle realtà che sono all’origine della decisione di migrare, che spingono ad affrontare un viaggio così pericoloso e traumatico, senza alcuna certezza dell’esito finale; si tratta di scoprire le regole del gioco imposte oggi all’umanità dalla governance globale e locale.

Attività: “Cosa ci porta l’Africa” – Dopo la Costa d’Avorio e l’Eritrea, quest’anno sarà la volta della Tunisia.

Il lavoro parte dal ruolo fondamentale che hanno i “testimoni privilegiati” che vengono dalla Costa d’Avorio, dall’Eritrea e dalla Tunisia anche considerata la presenza di famiglie tunisine presenti ormai da molti anni sull’isola e famiglie lampedusane che vivono da anni in Tunisia.

Viene anche valorizzato  il rapporto esistente tra il Museo della Fiducia e del Dialogo di Lampedusa e il Museo del Bardo a Tunisi.

Attività per il Liceo Scientifico e i Servizio di enograstronomia e ospitalità alberghieraDestinatari: studenti volontari di III, IV e V anno

L’obiettivo generale è l’emersione e l’accompagnamento di “vocazioni sociali” tra gli adolescenti della secondaria superiore, da sviluppare attraverso attività di animazione rivolte ai più piccoli, tramite il gioco e altre espressioni creative. L’adesione è su base volontaria.

  • Primo livello (volontari del III anno): introduzione all’animazione e al ruolo di animatore attraverso il gioco educativo – Elementi di psicologia, pedagogia e tecniche di animazione dell’infanzia.
  • Secondo livello (volontari del IV anno): progettazione di iniziative educative – l’animazione attraverso la rappresentazione teatrale – L’animatore capace a comunicare – Elementi di psicologia, pedagogia e tecniche di animazione dell’età evolutiva.
  • Terzo livello (volontari del V anno): il coordinamento educativo – L’animatore capace a coordinarsi col territorio – Elementi di psicologia, pedagogia e tecniche di animazione di gruppo.

Per ciascun livello la formazione avviene tramite

  • Sessioni di aula semiresidenziali, 7 ore dalla mattina alla sera per un totale di 8 giornate.
  • Tirocinio pratico di 35 ore, distribuite tra novembre e maggio.