Liceo Scientifico M. Casagrande – Pieve di Soligo – Treviso

The idea of undertaking this project with the third class of Liceo Scientifico, the current fourth class, arose from two main reasons: the first one is didactic-educational, that is to say trying to privilege the relationship connecting the present to the past and then to the present day again. Such a connection seems quite essential when you are teaching History and Literature. The other one is the chance to discuss about social problems that have affected Italian society, and not only that, in the last years, such as the immigration phenomenon, the control of immigration flows and of immigrates’ staying.

Thanks to this project we have been able also to privilege innovative didactic strategies such as teaching lab based on team working and on multimedia technologies, which is an essential need for the acquisition of project skills.

We tried to make the students develop an attitude of responsibility and civic sense, experience collaboration and organization, test their abilities, while learning how to overcome difficulties working together when they come up.

The project was aimed at giving young students knowledge, experiences and instruments not to fear diversity. Making them learn how to coexist with each other will lead to a general positive coexistence and this is one of the challenges of our age.

In particular, the main goals of the project were:

  • promoting the integration of Italian youngsters with immigrants through knowledge, respect, openness to new cultures, histories and experiences that every immigrant brings with himself;
  • stimulating the need for a new meaningful relationship, for meeting the other, that are crucial steps in the processes of growth and personal and civic development;
  • guiding students to face the challenges that modern society is posing helping them to adopt a cultural and historical perspective ;
  • promoting dialogue between (interlocutors with) different points of view, aiming at the acquisition of an active and self-conscious citizenship.

While discussing the issue of immigration in class, I realized that some students talked about immigration, but, as for many Italians, their knowledge of the phenomenon was filtered by some preconceived ideas and numerous cases reported in the news with a high impact on the public opinion but not representative in themselves.

Our work started from the experiences of some students’ immigrated families, from the discriminations suffered during the first years spent in Italy, on which the students were asked to reflect.

The activity continued with a visit to the reception center of the barrack “Serena” in Quinto di Treviso.

Bearing in mind all the students’ observations, that were compared and discussed in class, we mapped out the script on which we would have to focus our work.

The students were called to wonder about who the stranger really is, why he embarrasses and queries us, why he scares us and if we can go on deceiving ourselves that he is not the same as we are.

The need to select some core themes immediately arose. This was at the expense of other ideas that were less suited to the purpose of the project. The students wanted to prove that the encounter between people from different cultures and ethnic groups has always implied narrow-minded approaches since ancient times. These attitudes have been present in forms of racism and discrimination.

They also show that Italians seem to have lost their historical memory as they don’t recall the times when their own country was a land of emigrants; also, they don’t understand the difference between the condition of their fathers or grandfathers and that of those who are running away from war, hunger and persecution. We investigated the philosophical reflections that brought to the acknowledgement of the human rights: starting from ancient Greece, through modern natural law, to the present time. We discussed about the main social and economic phenomena related to different cultures and connected to the migration issue that characterize our world, and about the main historical developments that involved our territory, still referring to the migration issue.

The class watched some videos to learn the main events that clarified the national and European situation about the migration issue. Then they proceeded by reading documents such as the Universal Declaration Of Human Rights, the Geneva Conventions, the Convention On The Rights Of The Child, the Italian Constitution Chart to show that there are laws that protect the human rights, that acknowledge the rights to integration and to promotion of equal opportunities. Then we discussed about the complex issues related to their effective implementation within the different States.

The division of the class into heterogeneous groups followed the setting of the editorial plan. Each group was called to read and re-elaborate material taken from the works of scholars and historians. This activity was followed up by searching the net, in order to collect data, information and images about events that are affecting the territory of our province, our country and the EU and about the measures the institutions are taking to face this new challenge.

We have decided to create a video which appeals to the most favourite means of communication of teenagers, both as producers of information and users. Thus the students have written and translated the script into English, shot the scenes, recorded the narrators’ voices, and finally edited a short documentary in Italian with English subtitles.

Prof. Elena Carbone

Liceo scientifico “Galilei” – Ancona

Scarica il ppt  Viaggio per la vita di Anna Lucantoni

La classe III G del Liceo Scientifico “G. Galilei”, nel corso dell’anno scolastico 2015-2016, è stata coinvolta in due attività curriculari ed extra-curriculari che hanno avuto come finalità prioritaria l’educazione all’incontro tra le culture come corresponsabilità e coeredità.

La possibilità di costruire una responsabilità solidale ha portato i ragazzi a riflettere, in termini politici, sul cammino della democratizzazione e dell’inviolabilità dell’individuo. La consapevolezza della comune eredità della natura, del tempo e del futuro ha favorito il passaggio dal localismo egoistico e limitante ad una prospettiva globale che aspira ad un’estensione dei diritti umani.

Le azioni didattiche sono state progettate con l’intento di evitare un’informazione generale, superficiale, guidata da emozionalismi legati alla cronaca.

Il materiale inviato è il risultato di due tipologie di prove esperte: la prima è stata individuale e riguarda la polisemia del viaggio. Ogni alunno della classe ha realizzato un video con Movie Maker della durata di massimo 10 minuti o un Power point. La riflessione è stata allargata all’eterogeneo valore semantico della parola “viaggio” prendendo in considerazione sia la dimensione fisica della parola sia quella interiore. Gli alunni hanno costruito veri e propri “viaggi sul viaggio” come scoperta, esilio, paura, ricerca, sfida, etc. La struttura dei video richiedeva la presenza di:

poesie, riflessioni d’autore, canzoni, mini booktrailer di romanzi, dipinti, eventi di cronaca.

La seconda parte del progetto ha impegnato i ragazzi da Novembre a Maggio, poiché le richieste erano complesse ed il prodotto finale doveva evidenziare le competenze acquisite e potenziate in un lavoro che aveva come finalità educativa primaria potenziare la capacità di progettare, creare, riflettere, collaborare insieme e nel rispetto reciproco.

Questo secondo step prevedeva la realizzazione di un cortissimo della durata di 5 minuti focalizzando l’attenzione su rifugiati, migranti o emarginati che hanno segnato la storia o l’attualità con la forza del “talento”. L’attenzione dei ragazzi si è concentrata su due persone che con la forza del dissenso pacifico hanno migliorato il mondo partendo dalla loro “diversità”.

I ragazzi hanno scelto due voci, una del passato ed una del presente: Nelson Mandela e Malala. Il primo ha investito la sua vita nella lotta contro le discriminazioni razziali, ha conquistato diritti allora impensabili ed ha cambiato il volto di un paese. Malala, giovane ragazza pakistana, continua ad usare le sue armi, la penna, i libri, la conoscenza per combattere paura, ignoranza e indifferenza. I corti sono stati realizzati sia in orario curriculare sia extra-curriculare ed i gruppi formali avevano una precisa suddivisione dei ruoli interni. Supportati nell’utilizzo dei programmi di montaggio come premiere pro, hanno lavorato dal mese di Ottobre a Maggio.

I cortissimi sono l’espressione di una creatività digitale che, in linea con il Piano Nazionale Scuola Digitale, usano un codice interattivo che unisce l’efficacia della parola all’immediatezza dell’immagine e della musica. Questi lavori sono anche il ritratto della sensibilità dei giovani che sanno veicolare storie anche crude e violente con un lessico sobrio, lucido accompagnato da un’ironia sottile e coinvolgente.

Partecipare a “L’Europa inizia a Lampedusa” è un’occasione unica coerente con la convinzione che, dopo i progetti didattici volti a far acquisire agli alunni capacità critica, abilità tecniche e competenze relazionali autentiche, è necessaria un’esperienza di incontro in attività laboratoriali ed interculturali per concretizzazione e vivere il percorso intrapreso.

IIS Giuseppe Garibaldi – Macerata

Nel desiderio di conoscere quanto l’Italia sta operando in qualità di Paese in prima linea nel Mediterraneo nelle operazioni quotidiane di soccorso ed assistenza ai migranti, la classe III A ha svolto con la docente Grazia Di Petta un percorso di consapevolezza sulle problematiche delle migrazioni. Nello specifico delle aree disciplinari linguistiche e storiche, è stato condotto un lavoro di ricerca e analisi sulle seguenti tematiche: corridoi umanitari; transito tra Paesi e misure di contenimento attraverso la lettura comparata di testi (Convenzione di Ginevra e Regolamento di Dublino), di articoli e di fonti storiche sui movimenti migratori che nel corso dell’Età Tardo-Antica e medioevale hanno segnato la nascita di nuove forme di civiltà. Il gruppo composto dalle studentesse Alessandra Ciccola, Elisabetta Garbuglia, Laura Ginobili e Alice Pettinari, che hanno preso parte al progetto “L’Europa inizia a Lampedusa”,  ha agito attraverso la realizzazione di tre fasi:

  1. A)studio delle problematiche relative alla migrazione e all’accoglienza; studio della normativa; conoscenza delle politiche messe in atto nel Comune di Macerata attraverso un incontro con i referenti istituzionali: Sindaco, Vice Sindaco, Assessore alle politiche sociali, integrazione, inclusione e cooperazione sociale, rappresentante dell’ufficio Programmazione e progettazione sociale del Comune di Macerata, responsabile del progetto SPRAR;ascolto della testimonianze di un rifugiato affrontando i seguenti aspetti: le persecuzioni nel paese di origine, la fuga, il viaggio e l’accoglienza in Italia;
  2. B)rilevazione del grado di percezione dei compagni di classe sulle problematiche indagate attraverso la somministrazione di un primo questionario, dell’impostazione di una unità di apprendimento da rivolgere ai propri compagni per ampliarne le conoscenze e somministrazione di un secondo questionario
  3. C)rilevazione di un probabile cambiamento del grado di percezione in considerazione dell’apporto conoscitivo attuato, attraverso l’analisi dei questionari, la tabulazione delle risposte e la lettura comparata dei dati.

Il video “Coltivare l’accoglienza” documenta le varie fasi del percorso. Si precisa che durante le riprese Musa, il rifugiato, ha chiesto espressamente di non comparire in posizione frontale, pertanto la registrazione dell’audio risente di qualche alterazione nel volume.

IS Villari -Napoli

Salve a tutti, ci presentiamo:
siamo quattro studenti dell’Istituto Superiore “Pasquale Villari” di Napoli: Maria Saiz, Fabiana Amato, Priscilla Donkor e Mauro Esposito.
f3Da diversi anni, nella nostra scuola, vengono attivati percorsi e laboratori interculturali, coordinati dalla Prof.ssa Daniela Barretta, aventi quali obiettivi prioritari da un lato, l’inserimento attivo e consapevole nella comunità scolastica degli studenti stranieri neo-arrivati; dall’altro, la conoscenza ed il reciproco “incontrarsi” tra noi alunni del Liceo Villari e gruppi di “minori stranieri non accompagnati” (msna), seguiti, in dinamiche di integrazione nel tessuto socio-culturale napoletano, dagli operatori sociali della Cooperativa sociale Dedalus.

f4Tali attività afferiscono ad una progettualità continua in Istituto, e risalente all’anno scolastico 2008-2009, dal titolo “Percorsi di migranti e città plurali: la tua storia, la mia storia”.
In particolare poi, nel corso di questi ultimi due anni scolastici, ci siamo concentrati su due nuovi progetti, focalizzati sul contrasto a ogni forma di discriminazione e intolleranza e sul tentativo di arginare l’abbandono scolastico, da parte dei minori stranieri inseriti nel nostro istituto: Non perdiamoci di vista, in collaborazione con la Cooperativa Sociale Dedalus, e Underadio, in collaborazione con Save the Children.

 

 

Non perdiamoci di vista
La Peer Education è una strategia educativa che mira a favorire la comunicazione tra adolescenti: una comunicazione reciproca e continua che attiva lo scambio di informazioni ed esperienze tra pari. Questa pratica va oltre il momento educativo e diviene una vera e propria occasione per il singolo adolescente, il gruppo dei pari o la classe scolastica, per discutere liberamente e sviluppare momenti intensi di confronto.
Gli interventi di Peer Education fanno leva sull’interazione sociale tra adolescenti: sentendo di avere qualcosa in comune con un’altra persona e condividendo con lei le stesse problematiche o esperienze adolescenziali, questa persona viene considerata un interlocutore perfetto, di cui ci si può fidare, e ciò influenza la reciproca modalità di agire e di pensare.

f5

Al Liceo Villari, adottando questa strategia del peer to peer, abbiamo portato avanti, negli anni scolastici 2014-2015 e 2015-2016, il progetto Non perdiamoci di vista, che ha avuto come finalità generale quella di ridurre il tasso di abbandono scolastico da parte dei minori stranieri inseriti nelle scuole secondarie napoletane di I e di II grado, attraverso interventi rivolti sia a garantire un adeguato sostegno ai percorsi di studio degli alunni stranieri neo-arrivati, sia a favorire una più corretta e pari relazione tra le ragazze e i ragazzi stranieri e le loro famiglie con il sistema scuola.
Abbiamo lavorato molto sul nostro ruolo di Peer Tutor, in modo da aiutare i ragazzi stranieri al meglio. Per noi un tutor deve essere un amico “che motiva”, un agevolatore del percorso scolastico, un consulente per ogni dubbio e soprattutto un punto di riferimento per ogni problema, anche al di fuori delle pareti scolastiche.

f7

I Peer Tutors si sono occupati dei ragazzi di nazionalità non italiana, arrivati da poco in Italia a seguito del progetto migratorio delle famiglie di appartenenza. Noi Peer Tutors li abbiamo seguiti in attività di sportello extracurriculare, non soltanto in relazione all’apprendimento della Lingua italiana, ma anche in relazione al supporto scolastico per le altre discipline.
Inoltre, abbiamo dato vita anche ad una “redazione interculturale”, che si è occupata di diffondere le nostre iniziative sul web, attraverso il nostro blog (www.esperienzeconilsud.it/nonperdiamocidivista) ed i social network.
Il progetto ha dato ottimi risultati, dal momento che i ragazzi non italiani hanno conseguito buoni risultati e hanno anche stabilito dei buonissimi rapporti con noi tutors, su cui ormai possono sempre contare.

Underadio “la web radio under 18 contro le discriminazioni”
Underadio è un progetto a carattere educativo che coinvolge studenti italiani e studenti di origine straniera in azioni di sensibilizzazione, informazione e comunicazione sui temi dell’integrazione e del contrasto a tutte le forme di discriminazione e intolleranza, attraverso la realizzazione di UndeRadio (www.underadio.it), una web radio tematica e partecipativa gestita dagli studenti delle scuole coinvolte, con la realizzazione e messa in onda di un palinsesto quotidiano, e di eventi di sensibilizzazione sui territori.  Il progetto promuove la conoscenza dei diritti dei minori e delle responsabilità dei giovani cittadini, lo sviluppo di percorsi ed esperienze di integrazione e non discriminazione, il dialogo interculturale, la realizzazione di un’informazione corretta e priva di pregiudizi, lo sviluppo di strumenti idonei a contrastare le discriminazione. Queste attività sono promosse e realizzate attraverso la pratica della partecipazione e l’uso critico e consapevole dei nuovi media.
Gli assi principali sui quali il progetto “UndeRadio” interviene sono: l’uso di linguaggi espressivi e partecipativi per l’integrazione e la partecipazione; l’uso delle nuove tecnologie digitali nella didattica per l’integrazione;la costruzione e lo sviluppo di narrazioni orientate al contrasto alle discriminazioni.
La scuola, intesa come laboratorio di cittadinanza attiva e luogo in cui si realizzano pratiche di partecipazione fondate sul pluralismo e sul rispetto delle diversità, è il punto di partenza e il luogo di identificazione dei beneficiari diretti e indiretti, ma UndeRadio estende il proprio intervento anche all’extra-scolastico per poter offrire agli studenti spazi e tempi di applicazione e sperimentazione di forme di integrazione e aggregazione giovanile; momenti di incontro fra studenti di scuole e città diverse; occasioni di sensibilizzazione dei territori, a vantaggio di un sano protagonismo sociale.
Underadio punta quindi a diventare il canale di comunicazione e mobilitazione dei ragazzi per Save the Children. Così la web radio diventa strumento propulsivo, e al tempo stesso punto di vista privilegiato, circa le aspettative, le idee e gli approcci all’integrazione e alla non discriminazione, che i ragazzi praticano e vivono, in un percorso di comunicazione e formazione fra pari.
La comunicazione che si intende sperimentare è quella che non si affida unicamente ai circuiti mainstream ma nasce e si sviluppa dalla pratica quotidiana e collettiva dei ragazzi e delle ragazze del progetto, intesi come cittadini della società di oggi e quindi soggetti attivi di parola. La comunicazione così intesa nasce dal basso in maniera partecipata e si serve degli strumenti comunicativi digitali oggi alla portata di tutti, quali la web radio.

Liceo Gramsci di Sassari

La storia insegna ma non ha scolari

“Generalmente sono di piccola statura e di pelle scura. Molti puzzano perché tengono lo stesso vestito per settimane. Si costruiscono baracche nelle periferie. Quando riescono ad avvicinarsi al centro affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti.

[…]

Parlano lingue  incomprensibili, forse dialetti. Molti bambini vengono utilizzati per chiedere l’elemosina.

[…]

Dicono che siano dediti al furto e, se ostacolati, violenti. Le nostre donne li evitano sia perché poco attraenti e selvatici, sia perché è voce diffusa di stupri consumati quando le donne tornano dal lavoro. I governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare tra coloro che entrano nel Paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, di attività criminali.”

Relazione dell’ispettorato per l’Immigrazione del Congresso degli Stati Uniti sugli immigrati italiani, Ottobre 1919

 

Nel 1919, durante le migrazioni verso l’America, noi Italiani eravamo visti come noi, oggi, vediamo i migranti. Anche noi eravamo degli emarginati, esclusi perché diversi, perché ritenuti pericolosi. Anche i nostri connazionali, esattamente come gli abitanti dell’Africa e dell’Asia Meridionale, abbandonavano le loro case per scappare altrove, con la speranza di trovare un futuro migliore. Eppure ci sembra di non ricordare tutto quello che hanno passato i nostri trisavoli: allontaniamo i rifugiati, li riteniamo pericolosi, dei criminali. Non offriamo loro l’accoglienza di cui avrebbero bisogno; non soddisfiamo le loro esigenze perché, ai nostri occhi, sono persone che quasi non meritano il nostro rispetto.

Se non come fratelli, potremmo almeno vederli come parenti; “relatives”, dicono gli inglesi, e rende meglio ciò che siamo: vicini, accomunati da qualcosa, in qualche modo imparentati da quella che per l’uomo è una necessità: muoversi, e il “movimento” non può essere fermato .

“Le specie che rimangono chiuse dentro i confini sono praticamente condannati,  perché non vi è mescolanza.

O ci attrezziamo e li accogliamo per bene, oppure ci mettiamo veramente all’opera e operiamo nei loro Paesi.” Queste le parole dell’archeologo Rubens d’Oriano, venuto a farci visita per discutere della storia dell’immigrazione attraverso i secoli.

Senza le migrazioni la società odierna non sarebbe com’è adesso, e nemmeno, nel suo piccolo, la nostra città.

Olbia, infatti, da sempre è stata fulcro dell’incontro tra varie civiltà: Punici, Fenici, Greci, Romani hanno dato il loro contributo affinché un “piccolo borgo” come il nostro diventasse multietnico e accogliesse genti da ogni parte della Sardegna e del Mediterraneo.

Durante il nostro incontro all’Informacittà abbiamo scoperto che anche ad Olbia, benché non sia presente nessun centro di accoglienza,  esiste una realtà in cui i migranti devono affrontare un lunghissimo iter burocratico per diventare a tutti gli effetti cittadini alla pari degli altri.

Queste procedure per ottenere la cittadinanza italiana ci sono state esposte anche da alcuni agenti della polizia.

Durante quest’ultimo incontro abbiamo avuto modo di approfondire ciò che ci era stato spiegato dai mediatori linguistici provenienti dal Marocco, che lo hanno vissuto in prima persona.

Il nostro ultimo incontro è stato in presenza del  fotografo naturalista Egidio Trainito, biologo marino che studia la flora e la fauna di Lampedusa;  ci ha spiegato  come, anche sotto l’aspetto naturale, l’isola sia luogo d’incontro di varie specie animali e vegetali, riconfermando il suo status di punto d’unione.

Punto d’unione tra due placche terrestri, due continenti, centinaia di culture.

Come possiamo ignorare un’isola tanto centrale?

  L’Africa finisce a Lampedusa.

Liceo Statale Regina Margherita – Salerno

Digging into the truth

L’adesione al progetto “L’Europa inizia a Lampedusa” mi ha dato l’opportunità di far riflettere ancora una volta gli studenti sul tema dei rifugiati.
Il nostro istituto dal 2012 fa parte della Rete Internazionale Scuole Associate all’UNESCO e l’anno scorso, nel corso di uno scambio culturale con una scuola belga della Rete, nostra partner, insieme ai nostri partners avevamo già affrontato il tema dei migranti, focalizzando l’attenzione sull’inclusione degli stessi nella nostra società ed in particolare nella scuola.

Per questo progetto invece, di comune accordo con gli alunni partecipanti, abbiamo scelto un percorso diverso e deciso quindi di indagare sui motivi che spingono i rifugiati a lasciare il proprio paese consapevoli delle numerose difficoltà che inevitabilmente incontreranno lungo il loro cammino.
Ho lavorato prevalentemente in lingua inglese con alunni del quinto anno, molto interessati all’argomento e con un’ottima competenza comunicativa in lingua. E’ stato visionato e utilizzato il materiale presente sul sito “viaggi da imparare” ed altro materiale reperibile in rete.

Per prima cosa gli alunni sono stati divisi in gruppi ed è stato chiesto loro di analizzare il contesto storico dei Paesi dai quali proviene la maggior parte dei rifugiati. Gli alunni hanno quindi prodotto sintetiche schede in cui sono evidenziati i principali eventi storici che hanno portato alla situazione attuale in Eritrea, Afghanistan e Siria.
Questa prima attività ha permesso loro di comprendere meglio quali siano i “push-factors” che spingono una persona a scegliere di lascarsi alle spalle tutti i propri affetti ed intraprendere un viaggio rischioso che potrebbe anche non portare alla libertà.

Successivamente ho chiesto loro di provare a rispondere a due domande “Why do refugees leave their country? What do they leave behind?”. Spontaneamente, gli alunni si sono un po’ immedesimati nella condizione di chi soffre la fame, non conosce alcuna libertà, né civile né individuale e a turno hanno dato vita a brevi racconti che cercavano di esprimere la sofferenza di chi non ha alcun diritto.Al termine dell’attività ho chiesto agli alunni di visitare il sito viaggi da imparare e di ascoltare le testimonianze dei tre rifugiati.

Nell’incontro successivo gli studenti hanno evidenziato i passaggi fondamentale delle tre testimonianze che spiegavano cosa li avesse costretti a partire e soprattutto hanno sottolineato cosa, ancora oggi, nonostante siano in salvo, manchi loro.

Organizzandosi ancora una volta in gruppi, hanno cercato in rete ulteriori testimonianze di rifugiati ed immagini dei luoghi di provenienza di molti di loro. Prendendo appunti ed annotando informazioni, gli studenti hanno elaborato una prima stesura del lavoro, quindi hanno deciso di realizzare un video in quanto le immagini arrivano molto velocemente al punto e riescono a delineare subito una situazione

In un primo momento gli studenti avevano pensato di presentare il lavoro attraverso immagini e voce narrante ma, dopo una valutazione attenta dei pro e contro della voce narrante, hanno alla fine scelto di realizzare un cortometraggio-documentario  capace di focalizzare l’attenzione dello spettatore sul perché migliaia di persone al giorno emigrano, su ciò che li accomuna, qualunque sia la loro provenienza e di concludere il corto in modo tale da far riflettere lo spettatore sulla condizione nella quale si trova il rifugiato nel proprio paese e su ciò che lascia dietro di sé.

Il documentario realizzato si è rivelato essere un modo efficace di affrontare il tema perchè è immediato, in quanto è accompagnato da immagini e non presenta lunghi testi; la musica inoltre accompagna lo spettatore nella visione.

I partecipanti al progetto hanno dovuto fronteggiare qualche difficoltà durante la realizzazione di questo lavoro. Scegliere la musica che accompagna le immagini del corto ha richiesto un po’ di tempo, così come sintetizzare al massimo i contenuti. Trattandosi infatti di un breve filmato, tutto e’ stato calibrato nei tempi ed il messaggio è risultato chiaro, immediato ed incisivo.

I testi sono stati scritti tutti in lingua inglese e gli spezzoni di interviste tradotti. I materiali visionati dagli studenti sono stati tanti e i sentimenti suscitati in loro dalle diverse testimonianze ascoltate sono sempre stati condivisi. Il tempo a nostra disposizione per la realizzazione del lavoro è stato sicuramente esiguo rispetto alla vastità del tema trattato.

Alla fine del percorso posso dire che gli studenti più attivamente coinvolti hanno mostrato una percezione diversa sul tema dei rifugiati, sicuramente più matura e critica rafforzando in me   convinzione che imparare ad ascoltare gli altri rende le persone più aperte al dialogo e capaci di comprendere il punto di vista di un’altra persona evitando di esprimere giudizi avventati.

Prof.ssa Paola Scocozza
Liceo Statale “Regina Margherita”
Salerno