Calvino_Amico_Trapani

aMare

Istituto Superiore “S. Calvino- G.B. Amico”, Trapani

Il video è stato realizzato durante un’esperienza di integrazione e di scambio culturale: una giornata trascorsa presso la struttura di accoglienza gestita dalla cooperativa sociale “Badia Grande” di Bonagia (in provincia di Trapani).

IS S. CALVINO G.B. AMICO TPGli studenti della classe IVG (ora V G) dell’Istituto Tecnico Tecnologico “G.B. Amico” di Trapani hanno avuto modo di confrontarsi con le esperienze di vita di alcuni loro coetanei, richiedenti asilo, provenienti da diversi Paesi del Nord Africa.

La scelta è stata quella di utilizzare il linguaggio, sintetico e immediato, dello spot pubblicitario a sfondo sociale. Attraverso una successione di dettagli degli studenti e dei ragazzi ospiti presso la struttura, si è voluto mettere in risalto l’annullamento (o il superamento) delle differenze.

Accostando in successione  gli sguardi, i sorrisi, le mani degli alunni e degli immigrati, si è voluto creare una smaterializzazione delle singole identità, per esaltare, invece, le somiglianze, le affinità e l’appartenenza a un unico genere, il genere umano. Raccontando i corpi e i volti non nella loro unità, bensì attraverso singoli particolari, il montaggio restituisce un unico corpo, quello dei giovani che insieme, nell’inquadratura finale, rivolgono lo sguardo verso il Mediterraneo, la culla che li ha generati e che oggi, drammaticamente, costituisce il cupo teatro di morte di migliaia di persone alla ricerca di una vita migliore di quella che lasciano.

Calvino_Amico_Trapani

Una voce fuori campo costituisce la cornice del video, recitando in italiano e in un dialetto della Nuova Guinea: «Questi occhi, questi sorrisi, queste mani provengono dallo stesso mare».

Rivolgendo il loro sguardo verso il Mediterraneo, i giovani, studenti e migranti, con vissuti ed esperienze estremamente diversi, contemplano un futuro possibile migliore dell’attuale presente, se pensato e progettato all’insegna del rispetto, dell’integrazione e della condivisione.

Abstract

We, the student of the class IVG of the Technical Technological Institute “G.B. Amico” of Trapani, have made a video project during a visit at the social cooperative centre “Badia Grande” in Bonagia (Trapani) which had the purpose of carrying out an experience of integration and cultural exchange. We had the great opportunity to spend time with  peers who are asylum seekers from various countries of North Africa.

We decided to utilize the synthetic and straightforward language of the social advertising. Through a series of details we wanted to point out the annulment of the differences between us and the asylum seekers.

Through the shots of our looks, our smiles, our hands with those of the immigrants, we wanted to create a dematerialization of individual identities, enhancing the similarities and belonging to a single race, humanity. We did not want to portray the bodies and facies in their unity, but rather through specific features. Finally, this body made of different details that represents our young generation gazes at the Mediterranean Sea which has nowadays become a tragic theatre of the dead of thousands of people seeking a better life.

A voiceover recites into Italian and in a Guinean language: «These eyes, these smiles, these hands come from the same sea».

Gazing at the Mediterranean Sea, young students and migrants, with different backgrounds and life experiences, contemplate a better future that is achievable if conceived and designed onto  respect, integration and mutual sharing.

dopo lampedusa