L'europa inizia a Lampedusa

3 ottobre: dalla memoria alla costruzione di identità

Costruire un’identità nuova che parla di inclusione, di integrazione. Questa è la volontà racchiusa nei cuori di ogni persona che partecipa oggi alla cerimonia. “Abbiamo solo iniziato un percorso e non vinto una battaglia. I ragazzi rappresentano il futuro della nostra democrazia.” Con queste parole del Provveditore si apre la cerimonia. Sul palco un rappresentante dei sopravvissuti: loro sono la prova tangibile di una tragedia che ha segnato l’isola e che  testimonia la  forza della speranza.

L'europa inizia a Lampedusa

La sindaca Nicolini invita tutti a vivere la giornata non solo come un momento che non deve servire  per piangere e pregare, ma come una giornata di riflessione e di lotta. Non dobbiamo dimenticare Lampedusa e con lei tutte le persone che lasciano i loro sogni in mare.
Con questa consapevolezza iniziamo la marcia.
Prof.ssa Pascucci e i ragazzi del Liceo Galilei di Ancona

L'europa inizia a Lampedusa

Pubblicato in: live

Un pensiero su “3 ottobre: dalla memoria alla costruzione di identità

I commenti sono chiusi.