Il sistema dell’accoglienza – Le sigle

CPSACentri di Primo Soccorso e Assistenza, istituiti al fine di garantire immediato soccorso e assistenza agli stranieri appena giunti in Italia e prima di un loro trasferimento presso altre strutture d’accoglienza. I centri sono infatti collocati nelle zone ove avvengono in prevalenza gli sbarchi dei migranti e richiedenti asilo. 

CPA – Centri di Prima Accoglienza, garantiscono prima accoglienza allo straniero rintracciato sul territorio nazionale per il tempo necessario alla sua identificazione e all’accertamento sulla regolarità della sua permanenza in Italia

CARA – Centri di Accoglienza per Richiedenti Asilo, accolgono chi richiede la protezione internazionale per procedere all’identificazione e all’avvio delle procedure necessarie.

CIE – Centri di Identificazione ed Espulsione, trattengono chi non fa richiesta di protezione internazionale o non ne ha i requisiti. Sono centri di detenzione amministrativa in cui è previsto il trattenimento per gli stranieri colpiti da un provvedimento di allontanamento. Il trattenimento presso un CIE dev’essere convalidato da un giudice.

CAS – Centri di Accoglienza Straordinaria, sono stati istituiti per far fronte agli afflussi massicci e ravvicinati di richiedenti asilo ed al conseguente esaurimento di posti negli altri centri di accoglienza. Nel caso non vi sia disponibilità di posti nei centri di prima accoglienza, l’accoglienza può essere disposta in queste strutture per un periodo limitato di tempo, strettamente necessario al trasferimento del richiedente in altre strutture. Di volta in volta si è dato mandato alle prefetture di trovare strutture per l’accoglienza: palestre, alberghi, appartamenti, B&B e altri posti sparsi in tutta Italia e gestiti da cooperative, associazioni e soggetti del terzo settore.

SPRAR – Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati,  per i richiedenti asilo, rifugiati e destinatari di protezione sussidiaria. E’ un sistema che coinvolge gli enti locali e le organizzazioni del terzo settore per favorire condizioni di accoglienza integrata per richiedenti asilo e rifugiati. I progetti di accoglienza della rete SPRAR non si limitano a fornire un’assistenza primaria, ma prevedono in modo complementare anche misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico.

materiale prodotto dagli studenti dell’IPSIIA Odero di Genova